Cosa sono gli oli di cbd?

cbd

Si parla di olio di CBD per indicare un liquido, venduto in flacone, che si assume direttamente per via orale (sotto o sopra la lingua). È a base di cannabidiolo, ovvero un derivato della canapa, un tipo di Cannabis sativa L. con livelli di THC estremamente bassi.

In pratica, grazie ad un processo chimico di estrazione di materiale vegetale dalle foglie di canapa,  il CBD viene aggiunto ad un olio vegetale, miscelato, imbottigliato e quindi venduto. La fase di miscelazione è importante perché lo rende più facilmente assimilabile dal corpo. In questo modo ne può fornire pure una più alta varietà di benefici nutrizionali complementari.

Info dettagliate sull’olio di CBD

Come anticipato, il CBD si trova in alte dosi nella canapa,  per cui ottenere un olio a base di questa sostanza richiede la lavorazione della suddetta pianta. Trattasi di un vegetale molto versatile, che tra le altre cose viene coltivato da 5 mila anni e viene impiegato in molti settori commerciali  tra cui quello di abbigliamento, scarpe, tessuti, alimenti per animali, materiali edili e così via. Se questi comparti estraggono fibre foglie e semi della canapa, per ottenere il CBD utile all’olio bisogna lavorare chimicamente la pianta stessa. In pratica si devono estrarre i composti presenti nei fiori di canapa, lavorarlo e trasformarli. Questo al fine di rendere i CBD sicuri per l’assunzione del nostro organismo e per non perderne i principi attivi positivi per il nostro corpo.

La produzione di olio di CBD

Volendo, l’olio di CBD si può produrre anche a casa, tuttavia rischi di non capire se nel tuo flacone saranno contenuti prodotti chimici, additivi e composti. Meglio dunque avvalersi di processi più sofisticati,  come ad esempio quelli che impiegano CO₂ supercritica e che pongono in essere l’estrazione con butano sono diventati rapidamente lo standard del settore.

Un’industria, grazie all’impiego di attrezzature all’avanguardia, avrà la possibilità di isolare composti specifici affinché il CBD ottenuto al termine del processo non abbia al suo interno livelli dannosi di THC, additivi, metalli pesanti ed OGM.

Come funziona l’olio di CBD?

Come anticipato il CBD fa parte della famiglia dei composti chiamati “cannabinoidi”, i cui effetti benefici si ripercuotono su mente e su corpo. Piu precisamente,  una volta assunto un olio a base di CBD si mettono in allerta alcuni recettori che si trovano all’interno del nostro organismo. Il corpo inizia a reagire e risponde ai comandi di questi recettori che sono responsabili di quanto avviene all’interno dell’organismo umano. Assumendo un olio a base di cannabidiolo, tutti i sistemi, ovvero immunitario, digestivo e nervoso centrale raggiugnono un loro equilibrio e si rafforzano.

Viene da sé quindi che una persona abituata ad assumere gli oli in esame, è interessata da un turbinio di effetti positivi, come l’aumento della produzione di enzimi ed endocannabinoidi, l’alleviamento della tensione. Ma anche la protezione contro i segni dell’invecchiamento e la stimolazione della digestione.

Effetti di questo olio

Non è possibile in un simile contesto fornire una lista di quelli che possono essere gli effetti dell’olio di CBD. Stando comunque a quanto sostiene anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’olio di CBD non può essere considerato tossico, non è una droga e non crea sballo. Anzi viene “generalmente ben tollerato” senza “effetti che indicano alcun abuso o potenziale di dipendenza”.

Have your say