La differenza tra alta e bassa pressione atmosferica

Dal punto di vista della metereologia, si parla di pressione atmosferica riferendosi alla pressione presente in un qualsiasi punto dell’atmosfera terrestre che si va ad analizzare.
La misurazione della pressione atmosferica è fondamentale per alcune professioni che basano il proprio lavoro esattamente su queste operazioni, che influiscono notevolmente sul lavoro e sulle ricerche di molte altre persone.La pressione atmosferica su misura con il barometro, e corrisponde esattamente alla pressione idrostatica esercitata dal peso di una colonna d’aria che viene posizionata esattamente al di sopra del punto di misura. Essa dipende dal punto in cui si misura, e può notevolmente variare, infatti, ad esempio, a livello del mare ha una massa di circa 1,30 kg, il tutto misurato in 1m3 di aria.

La pressione atmosferica, a seguito delle misurazioni effettuate in maniera ottimale, può avere dei valori, i quali porteranno a pensare ad una pressione atmosferica alta, o ad una pressione atmosferica bassa.

In cosa consiste la pressione alta e la pressione bassa?
Il valore della pressione varia in base a determinati fattori, tra cui anche il punto da cui si inizia a misurare, e quindi a rilevare tutti i valori, sia iniziali che intermedi che finali. Anche la temperatura è importante nella rilevazione, infatti grazie a questo valore si può considerare la quantità di vapore acqueo contenuto in tutta l’atmosfera terrestre, che decresce e accresce proporzionalmente all’altitudine.Le aree in cui si manifesta la bassa pressione, hanno valori decisamente più bassi di massa atmosferica, viceversa avviene nelle aree in cui si evidenzia l’alta pressione.
In cosa si differenziano la pressione atmosferica alta e la pressione atmosferica bassa?
Come già detto, la pressione atmosferica dipende da svariati fattori, e una volta individuati i valori di riferimento è importante collocarli all’interno delle fasce di pressione atmosferica alta e pressione atmosferica bassa, ma in sostanza, in cosa si differenziano?
Quando si manifesta l’alta pressione atmosferica, tutta l’aria presente nell’atmosfera tende a scendere verso il basso, e, come in ogni fenomeno, per quanto riguarda le temperature, l’aria che scende verso il basso si riscalda, comprimendosi verso le nubi. Questa situazione provoca, in conseguenza al riscaldamento dell’aria, anche un dissolvimento delle nubi, e il tutto sarà responsabile di un bel cielo sereno, senza fastidiose nuvole ad intralciare il sole.Diversamente, quando si individuano dei valori facilmente identificabili a quelli relativi alla pressione atmosferica bassa, l’aria, al contrario, sale verso l’alto e, se nell’alta pressione tendeva a riscaldarsi, in questo caso diventerà più fredda, dando così origine ad una certa instabilità nella totalità dell’atmosfera.
La bassa pressione dovuta all’incontro di aria calda e una massa di aria fredda, si spingerà verso il fronte più freddo, e la situazione così instabile creata da questa condizione creerà il maltempo.
Una volta in cui tutta la condizione atmosferica verrà cessata, le precipitazioni saranno assenti, e il tutto tornerà alla normalità.Ma oggettivamente, queste condizioni sono unicamente teoriche, infatti possono manifestarsi dei casi in cui la regola non viene del tutto seguita, per una serie di fattori.
Ad esempio, in caso di pressione atmosferica alta, non è scontato che si abbia il bel tempo, infatti, l’aria va in contro ad alti tassi di umidità, che andranno a creare delle situazioni in cui si manifestano fenomeni di nebbia o nubi molto basse e visibili.
In altri casi, sempre riferendoci alla pressione alta, è possibile che si abbiano degli scontri con l’aria fredda, e questo darà origine a manifestazioni temporalesche.
In base a cosa i valori della pressione atmosferica variano?
I valori della pressione atmosferica variano in base a numerosi fattori, ad esempio, con l’altitudine, a causa della comprimibilità dell’aria, con la temperatura, in quanto l’atmosfera terrestre tende a dilatarsi, riscaldandosi, creando delle colonne d’aria, e con l’umidità, che influenza i valori della pressione atmosferica per la presenza nell’aria delle molecole di vapore acqueo.

Have your say