Il risparmio energetico grazie alla domotica

Sistemi domotici

La domotica è una di quelle novità che non lascia indifferenti: ognuno di noi è affascianto dalle moderne tecnologie in generale, se poi la novità consiste nel forno che si accende e comincia a cuocere senza presidio, consentendo all’utente di trovare il pranzo caldo all’ora che meglio preferisce, il fascino della tecnologia lascia subito il posto al desiderio.

La domotica comprende anche questo, e lascia spazio ad innumerevoli fantasie per nulla utopiche e già sperimentate oltreoceano. Consiste in sistemi computerizzati che rendono l’abitazione servo-assistita, cioè in grado di intervenire in autonomia su diversi fattori, ovviamente programmati a monte con l’adozione di una centralina.

Attualmente nel nostro paese, la domotica si occupa della chiusura ed apertura delle tapparelle e dei sistemi oscuranti in generale, della gestione degli impianti di condizionamento e di riscaldamento, dell’impianto di videosorveglianza.

L’obiettivo è coccolare il cliente, ma prima di tutto salvaguardare l’ambiente, mediante l’ausilio dei computer, in grado di ottimizzare le prestazioni degli impianti e di risparmiare energia eliminando gli sprechi. Passare ad un impianto di domotica significa quindi non solo concedersi delle comodità, ma provvedere per l’ambiente.

Attualmente la domotica è caratterizzata da alcuni impianti controllati elettronicamente da una centralina. La videosorveglianza, oltre a registrare sessioni di due o tre giorni, può essere controllata da un computer che attiva e disattiva l’impianto in un orario prestabilito. Con lo stesso sistema si può programmare l’orario di chiusura ed apertura delle tapparelle, l’orario di accensione e di spegnimento del riscaldamento o dell’impianto di condizionamento.

Il perché di tutto questo è da ricercare nei problemi quotidiani di ognuno di noi; è difficile infatti trovare il tempo per servire la casa e le sue necessità come un tempo, per via del lavoro e dei numerosi impegni trasversali.

Un’impianto che provvede in autonomia nella gestione degli impianti, consente un notevole risparmio energetico; programmando l’apertura delle tapparelle in base alla stagione, per esempio, si possono ottimizzare le ore di luce ed il riscaldamento stesso.

Tante sono le ipotesi che si possono fare; bisogna inoltre aggiungere, che la domotica è ora integrata dal controllo remoto attraverso il satellite; attraverso un iPhone o uno smartphone è possibile modificare le impostazioni, controllare la situazione ed effettuare azioni a distanza istantaneamente. Per installare un buon impianto di domotica non si può certo procedere in autonomia; è necessario rivolgersi ad aziende specializzate come la SMI.

La domotica è quindi fondamentale in chiave ambientale, ed è estremamente conveniente provvedere all’installazione, in quanto la spesa, neppure troppo onerosa, viene senz’altro recuperata sulle bollette delle diverse utenze. L’unico vero ostacolo consiste nella casa: non è possibile infatti trarre molti benefici dalla domotica se la casa non è almeno in classe B, minimo indispensabile per rendere efficace l’adozione di misure volte al risparmio energetico.

È necessario quindi installare serramenti adeguati e certificati, di qualsiasi materiale, e avere dei muri studiati per lo scopo, costruiti secondo tecnologie apposite; in case di nuove costruzione, è bene sincerarsi di tutto questo, considerato che ora vi è l’obbligatorietà a costruire almeno in classe C.  Partendo da ciò, la domotica è decisamente consigliata e può essere ottimizzata per necessità personali di grande comodità.

Have your say