Gasbeton: pregi e difetti di un materiale edile innovativo

gasbeton blocchi
Gasbeton è il termine commerciale che viene usato per indicare il calcestruzzo aerato autoclavato, che è molto simile alla tobermorite, una pietra naturale.
Si chiama anche calcestruzzo cellulare ed è un’invenzione piuttosto recente, che risale agli inizi del Novecento, ad opera di un gruppo di ricercatori svedesi.
Questo è formato da una composizione di cemento Portland, sabbia silicea, acqua e ossido di calcio.
L’impasto di questi materiali viene poi arricchito da polvere di alluminio in modo da favorirne la lievitazione e la conseguente formazione di pori.
Viene infine miscelato con acqua e colato in apposite forme; qui, grazie ad una serie di reazioni chimiche, il gasbeton assume le sue particolari caratteristiche. 

Pregi del Gasbeton

Grazie all’impiego di risorse naturali, di reperibilità estremamente facile, il gazbeton non è tossico e permette un notevole risparmio, dato che il rapporto fra il volume delle materie prime impiegate e quello del prodotto finale è di 1 a 5.
Nonostante poi sia notevolmente leggero, e quindi alleviando il lavoro di sollevamento e messa in posa dei blocchi, è anche molto resistente, garantendo così la massima solidità.
Trattandosi inoltre di un materiale molto omogeneo, il gazbeton permette anche una discreta aderenza del collante, riducendo quindi l’impiego di intonaci, oltre che una rapida posa in opera e agilità nel taglio dei blocchi, rendendo così più snella la fase di lavorazione.
Ma su tutte la qualità di questo prodotto spiccano senza dubbio la sua capacità sia come isolante termico e acustico, grazie alla sua struttura porosa, sia la sua resistenza al fuoco fino ad una temperatura di 1200 gradi.

 

Difetti dei blocchi Gasbeton

Se da una parte il gasbeton garantisce una notevole solidità, dall’altra è poco resistenze al taglio e alla foratura, rischiando quindi di sgretolarsi nel caso si tenti di inserirvi chiodi o tasselli.
Al tempo stesso, quando si verificano dei piccoli movimenti di assestamento all’interno di edifici, può succedere che si formino delle piccole crepe, che si può cercare di evitare utilizzando un rete porta intonaco al momento della stesura di quest’ultimo.
Un altro limite di questo materiale è che viene fortemente consigliato solo per le zone a clima mediterraneo e che quindi non necessitino di un elevato livello di isolamento e per le piccole strutture piuttosto che per edifici di grandi dimensioni.

 

Costi dei blocchi

Il prezzo dei mattoni gasbeton che si trovano in vendita anche online, con costi variabili, ma che si aggirano intorno ai 160 euro al metro cubo.
E’ consigliabile acquistare anche del collante apposito, per l’eventuale rivestimento con piastrelle o copertura di crepe.

Have your say