Corso massaggio: perché seguire un corso professionale

Corso massaggio

Curare il corpo degli altri per garantire loro una vita migliore. Per diventare un professionista nell’ambito dei massaggi è fondamentale frequentare un valido corso professionale. Un corso che sappia formare in tutti gli aspetti della strada che si vuole intraprendere: da quelli più banali ma comunque importanti, ai più delicati come la conoscenza del corpo e della mente umani, dall’anatomia alla fisiologia, passando per la capacità di avere a che fare con il cliente che al professionista e alle sue mani si affiderà.

È necessario che si tratti di un corso tenuto da un corpo docenti attendibile e preparato, in grado di guidare i propri allievi nelle varie tecniche, trasmettendo al tempo stesso l’amore per un lavoro che è fatto prima di tutto di passione. Un corso, inoltre, tenuto nell’ambiente adeguato alla professione, dove sia possibile avvalersi degli strumenti, dei materiali, dei prodotti e di tutto ciò che serve per crescere passo dopo passo. Obiettivo: imparare le tecniche necessarie a diventare professionisti autonomi in un ambito dove, avendo a che fare con il corpo delle persone, talvolta affette da patologie, nulla può essere lasciato al caso.

Sono tante le realtà che in Italia offrono la possibilità di formarsi come massaggiatori. Diverse le scuole, molteplici gli approcci. Importante affidarsi a un corso riconosciuto a livello istituzionale, per evitare di incappare in spiacevoli sorprese.

Tra gli ambiti più richiesti, quello del massaggio sportivo: quell’insieme di tecniche applicate sugli agonisti e gli amatori che aiutano nel recupero muscolare, con l’obiettivo di migliorare la prestazione sportiva, e che possono combinarsi alla cura fisioterapica. Ci sono poi i filoni di massaggio terapeutico, massaggio estetico e linfodrenaggio.

Sempre più ambita è anche la conoscenza delle tecniche di massaggio infantile, come forma di comunicazione tra la madre o il padre e il bambino. Si parte dal primo contatto con la pelle, alla ricerca di un benessere per il piccolo ma anche di una forma profonda di comunicazione che va oltre il mero aspetto fisico.

Infinito è poi l’universo dei massaggi che si rifanno alle scuole orientali. Si va dallo Shiatsu al massaggio thailandese, dal tantra alla riflessologia plantare, fino all’antica pratica ayurvedica che si basa sui cosiddetti “dosha”, alla ricerca dell’equilibrio tra corpo e mente.

Tra le tante valide realtà che in Italia offrono formazione su buona parte delle tecniche citate, c’è l’Accademia di Massaggio e Discipline Olistiche (Accademiamassaggi.it) che organizza corsi nelle maggiori città italiane come Roma, Milano, Napoli e Torino.

Tutto sta a scegliere l’ambito in cui si vuole approfondire la propria conoscenza, con l’obiettivo di uno sbocco lavorativo. Una volta individuato il percorso più adeguato, non bisogna farsi spaventare dai chilometri che potrebbero essere necessari a raggiungere la sede della migliore scuola sul territorio. E quindi guardare anche al di là della propria città pur di affidarsi ai professionisti più credibili e ai centri di formazione accreditati dal punto di vista istituzionale.

Se l’obiettivo è diventare massaggiatori professionisti sarà inoltre bene scegliere una scuola che sia in grado di indirizzare il proprio allievo nel difficile mondo del lavoro. Se non trovando una prima clientela di base, quanto meno fornendo l’orientamento necessario a strutturare la propria attività, per quel che riguarda sia l’aspetto fiscale sia le strumentazioni indispensabili.

Have your say