Come realizzare un servizio fotografico per il matrimonio

foto brutte

Il matrimonio è il giorno più importante, quello dove tutto deve essere perfetto, ma soprattutto quello dove sia gli sposi che gli invitati possano condividere una serie di emozioni uniche, da ricordare anche dopo anni. E quale modo migliore per ricordare di una foto? Oggi la tecnologia ci consente di avere ricordi freschi e vividi anche dopo molti anni, non più solo foto artistiche, ma anche video, da quelli professionali a quelli fatti dagli invitati. Insomma, il servizio fotografico del matrimonio è un punto fondamentale di questa giornata.

Servizio fotografico matrimonio, come sta cambiando

Fino a qualche anno fa il servizio fotografico del matrimonio era solo uno: foto artistiche e comunque in posa. Certo, nel tempo ci sono state variazioni significative, per esempio negli anni’80 era molto in voga l’utilizzo di effetti speciali, come inserire l’immagine degli sposi dentro dei cuori o sfumata all’interno di qualche fiore. Oggi questo tipo di grafica fa rabbrividire, tuttavia, all’epoca, era considerato di grande tendenza.

Poi ci sono state le foto posatissime, magari sugli scogli per chi si sposava vicino al mare, oppure in giardino. Sposi e invitati immobili come statue di cera, senza respirare per alcuni secondi fino a quando il fotografo non si dava l’ok. E le foto di rito con tutto il parentado, genitori di lui e di lei, zii, cugini, testimoni, insomma, il servizio fotografico era più una tortura che un momento piacevole.

Il reportage di matrimonio

Il reportage di matrimonio ha decisamente cambiato le cose. Si è infatti passati da foto assolutamente posate a foto scattate come se il fotografo non esistesse, appunto, in modalità reportage, esattamente come accade quando si fa un reportage naturalistico. Il fotografo gira tra le tavolate e grazie alla sua bravura riesce a cogliere le espressioni più interessanti e significatevi e degli sposi e degli invitati.

foto-di-matrimoniobrutteLe foto del reportage devono dunque essere molto naturali, si deve cogliere il momento reale, senza posa, senza brindisi con sorrisi impostati, ma immagini in movimento, autentiche, che poi effettivamente restituiscono i veri ricordi, li evocano in modo molto più dettagliato, dato che rispondono a quanto realmente accaduto. Lo stesso discorso vale per il video che viene girato sempre in forma di reportage e che consente così di catturare quello che è il momento reale della scena.

Il photo booth

Un’altra moda che si è affermata negli ultimi anni, e che arriva direttamente dagli USA, è il photo booth. Si tratta di una “cabina per le foto” dove ospiti e sposi entrano a turno, si travestono con dei gadget, anche a tema, e poi si scatta la foto. In un secondo momento, come spiegato su Funnybooth.it, le foto vengono fatte stampare e ricevute direttamente a casa.

Have your say